COMUNICAZIONE OPERE LIBERE

OPERE LIBERE SOGGETTE A COMUNICAZIONE

Sono soggetti a preventiva comunicazione al comune i seguenti interventi:

a)    le opere di manutenzione straordinaria, quando non riguardano le parti strutturali dell'edificio. In tal caso, nella comunicazione è indicata l'impresa a cui si intendono affidare i lavori. Resta fermo l'obbligo di munirsi del titolo edilizio per gli interventi che interessano elementi strutturali;

b)    gli interventi che interessano le parti esterne dell'edificio, nel rispetto dei materiali o della tinteggiatura previsti dal PRG o del Piano Colore, se adottato; o in assenza di disposizioni del PRG o del Piano Colore, gli interventi di sostituzione di parti esterne dell'edificio con materiali o tinteggiatura uguali a quelli esistenti

c)    l'installazione di pannelli solari o fotovoltaici e dei relativi impianti collocati negli edifici o nelle relative pertinenze, nel rispetto dei criteri e dei limiti stabiliti dal regolamento urbanistico-edilizio provinciale;

d)    le legnaie pertinenziali degli edifici, se rispettano le tipologie e i limiti dimensionali stabiliti dal PRG;

e)    le tende da sole avvolgibili prive di sostegni a palo su edifici posti nelle aree di tutela ambientale o soggetti alla disciplina in materia di beni culturali o compresi negli insediamenti storici, se rispettano i criteri stabiliti dal comune per la loro installazione; questi interventi sono liberi all'esterno delle aree sopra indicate o non soggette ai predetti vincoli;

f)     le recinzioni di altezza inferiore a 150 centimetri;

g)    le attrezzature e gli elementi di arredo di pertinenza di esercizi pubblici e commerciali eseguiti nel rispetto delle disposizioni comunali in materia;

h)   gli interventi di installazione e di modifica di impianti fissi di telecomunicazione e di radiodiffusione su strutture esistenti;

i)     gli interventi di demolizione delle strutture che ospitano impianti fissi di telecomunicazione e di radiodiffusione e la modifica delle medesime strutture nei limiti del 20 per cento delle dimensioni della struttura esistente;

j)     gli interventi di trasformazione del bosco volti al ripristino di aree prative o pascolive o alla realizzazione di bonifiche agrarie che non richiedono alcuna opera di infrastrutturazione o di edificazione, nell'ambito delle fattispecie disciplinate dall'articolo 16, comma 1, lettere c) e c bis), della legge provinciale sulle foreste e sulla protezione della natura 2007, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 85 della presente legge;

k)    le opere precarie facilmente rimovibili e destinate a soddisfare esigenze improrogabili e temporanee. In relazione all'entità e alla durata degli interventi, il comune può subordinare la loro realizzazione alla presentazione di idonee garanzie, anche di carattere finanziario, ai fini del rispetto dei termini e delle modalità di rimessa in pristino dei luoghi;

l)     la segnaletica sentieristica ed escursionistica e quella di denominazione di percorsi storici e culturali, nel rispetto dei criteri eventualmente previsti dalla normativa vigente relativamente alla segnaletica e alla cartellonistica;

m)   i cartelli o altri mezzi pubblicitari all'interno dei centri abitati;

n)   cippi o simboli commemorativi posti all'esterno delle aree pertinenziali degli edifici, se di limitate dimensioni e se privi di opere murarie di fondazione;

Tutte le opere sopra elencate sono eseguite nel rispetto degli strumenti di pianificazione e di ogni altra normativa e disciplina relativa alla loro realizzazione e in particolare delle norme antisismiche, di sicurezza, ignienico sanitarie, di efficienza energetica, di tutela del pericolo idrogeologico, di paesaggio e di qualità architettonica, altezza e distanze.

La sola omissione della comunicazione preventiva dell'inizio del lavori comporta il pagamento di una sanzione pecuniaria pari a 500 euro.

In caso di violazione delle norme dell'art.78 della L.15/2015, fatta eccezione per le opere precarie, gli interventi si considerano realizzati in assenza del titolo abilitativo edilizio.

RIFERIMENTI NORMATIVI

  1. L.P. 15 agosto 2015, n.15
  2. D.P.P. 19 maggio 2017, n.8-61 Leg
  3. Regolamento Edilizio Comunale (REC)

MODULISTICA

  1. COMUNICAZIONE OPERE LIBERE
  2. SOGGETTI COINVOLTI
  3. INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI (ART.13-14 REG. UE N.2016/679)

Lunedì, 24 Marzo 2014 - Ultima modifica: Venerdì, 08 Giugno 2018

Questionario di valutazione

© 2019 Comune di Riva del Garda powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl