SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA'

OPERE SOGGETTE A SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA'

Sono soggetti a segnalazione certificata di inizio di attività i seguenti interventi:

a)    i volumi tecnici;

b)    le varianti nel limite del 10 per cento delle misure di progetto, secondo quanto previsto dall'articolo 92, comma 3;

c)    il mutamento di destinazione d'uso e l'aumento delle unità immobiliari di edifici esistenti, anche con opere, senza aumento di volume o superficie utile lorda;

d)    la realizzazione di manufatti pertinenziali che le norme di attuazione degli strumenti urbanistici non qualificano come nuova costruzione e che non comportano la realizzazione di un volume superiore al 20 per cento del volume principale;

e)    i parcheggi, da realizzare nel sottosuolo e nei locali al piano terreno degli edifici, ai fini del rispetto degli standard richiesti per le singole unità immobiliari;

f)     le opere di eliminazione delle barriere architettoniche in edifici esistenti, se comportano modifiche della sagoma;

g)    le recinzioni superiori a 150 centimetri di altezza;

h)   i muri di sostegno e di contenimento fino a tre metri di altezza;

i)     la realizzazione della parte dell'intervento non ultimata nel termine stabilito, salvo che le opere corrispondenti non rientrino tra quelle soggette a permesso di costruire;

j)     le opere di bonifica e sistemazione del terreno che comportano livellamenti di terreno per la messa a coltura, di altezza superiore a un metro;

k)    l'installazione di serre e tunnel permanenti per le produzioni intensive ortoflorofrutticole o per la moltiplicazione di piante, secondo le disposizioni contenute nel regolamento urbanistico-edilizio provinciale;

l)     i cartelli o altri mezzi pubblicitari all'esterno dei centri abitati, nel rispetto delle disposizioni contenute nel regolamento urbanistico-edilizio provinciale;

m)   gli interventi soggetti a permesso di costruire, quando il rappresentante del comune si è espresso favorevolmente nella conferenza di servizi prevista nella normativa provinciale in materia di valutazione d'impatto ambientale, di autorizzazione unica territoriale e di impianti fissi di telecomunicazione e di radiodiffusione, secondo quanto previsto dalle relative discipline di settore;

Sono assoggettati a SCIA, in alternativa al permesso di costruire, i seguenti interventi:

a)    gli interventi su edifici soggetti a restauro e risanamento conservativo senza aumento di volume e di superficie utile lorda;

b)    gli interventi su edifici soggetti a ristrutturazione edilizia che non comportano la demolizione anche parziale delle murature perimetrali e non comportano aumento di volume e di superficie utile lorda;

c)    gli interventi previsti dai piani attuativi già autorizzati ai fini della tutela del paesaggio e quelli non soggetti ad autorizzazione paesaggistica per i quali la CPC ha espresso parere favorevole sulla qualità architettonica del piano attuativo, quando, in entrambi i casi, i piani contengono precise disposizioni planivolumetriche, tipologiche e formali per la realizzazione degli interventi.

La realizzazione in deroga di opere d’interesse pubblico anche nel caso di interventi soggetti a segnalazione certificata di inizio attività, è comunque subordinata al rilascio del permesso di costruire nel rispetto delle procedure e condizioni stabilite dalla legge urbanistica provinciale.

RIFERIMENTI NORMATIVI

  1. L.P. 15 agosto 2015, n.15
  2. D.P.P. 19 maggio 2017, n.8-61 Leg

MODULISTICA

  1. SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA'
  2. SOGGETTI COINVOLTI
  3. INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI (ART.13-14 REG. UE N.2016/679)

Giovedì, 20 Marzo 2014 - Ultima modifica: Venerdì, 08 Giugno 2018

Questionario di valutazione

© 2019 Comune di Riva del Garda powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl