Banca della terra

La Banca della terra consiste in un inventario dei terreni pubblici e privati incolti, che i proprietari possono mettere temporaneamente a disposizione di quanti ne facciano richiesta per rimetterli in produzione ad uso agricolo.

La costituzione della Banca della terra è stata prevista dalla legge provinciale 4 agosto 2015 n. 15 per il  governo del territorio, in particolare ai sensi dell'art. 116 e della deliberazione n. 303 del 23 febbraio 2017, con cui la Giunta provinciale di Trento ne ha approvato i criteri e le modalità di funzionamento e di gestione.

La finalità della Banca della terra è quella di evidenziare i fenomeni di abbandono e mancata coltivazione per raccordarli con l'esigenza di facilitare il reperimento sul mercato fondiario di superfici per l'avviamento di nuove imprese, nonchè di disincentivare degrado paesaggistico e riduzione delle potenzialità produttive rurali. Questo permetterà di favorire un ricambio generazionale o di consolidare imprese agricole già esistenti.

Riferimenti normativi:

articolo 116 della L.P. 15/2015

"1. Al fine di valorizzare il patrimonio agricolo-forestale, di promuovere i processi di ricomposizione e riordino fondiario, di recuperare ad uso produttivo le superfici agricole e forestali abbandonate, incolte o sottoutilizzate, anche per incentivare l'insediamento dell'imprenditoria agricola e, in particolare dei giovani imprenditori, nonché al fine di favorire la salvaguardia del territorio e del paesaggio, è istituita la Banca della terra.

2. La Banca della terra consiste in un inventario, strutturato a partire dal SIAT, dei terreni pubblici e dei terreni privati che i proprietari hanno dichiarato disponibili per la temporanea assegnazione ai soggetti che ne fanno richiesta per il perseguimento delle finalità del comma 1.

2 bis. Ai fini della costruzione e dell'aggiornamento della Banca della terra i comuni pubblicano sull'albo telematico l'avviso relativo all'avvenuta istituzione della Banca della terra e comunicano annualmente alla Provincia le dichiarazioni di disponibilità all'inserimento nell'inventario di cui al comma 2, rese dai proprietari dei terreni, secondo quanto specificato dalla deliberazione attuativa prevista dal comma 3.

2 ter. Ai fini del possibile inserimento nella Banca della terra, le comunità possono effettuare un censimento dei terreni abbandonati e incolti e delle aree forestali che possono essere riportate all'uso agricolo, presenti nel proprio territorio, in collaborazione con i comuni interessati.

3. La Giunta provinciale, previo parere obbligatorio della competente commissione permanente del Consiglio provinciale, del Consiglio delle autonomie locali, degli ordini professionali competenti e delle categorie professionali coinvolte, con propria deliberazione, definisce i criteri e le modalità per la costituzione, il funzionamento e la gestione della Banca della terra, entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore di questa legge".

La Banca della terra è gestita dalla Provincia, dal punto di vista tecnico ed amministrativo. I Comuni svolgono un ruolo di supporto per raccogliere le dichiarazioni di disponibilità da parte dei proprietari, per accertare la compatibilità urbanistica e provvedere alla trasmissione delle particelle catastali comunicate presso APPAG (Agenzia Provinciale per i Pagamenti in Agricoltura), al fine di completarne l'inserimento nella Banca della terra (vedi link al sito dedicato, facendo clic qui).

Informazioni e contatti:

Per ulteriori informazioni si prega di contattare l'ufficio urbanistica comunale ed in particolare la dott.ssa arch. IVANA MARTIN, al numero di tel.  0464-573902.

download

avviso pubblico comunale
File avviso.pdf (477,90 kB)

download

deliberazione istitutiva GP n. 303 del 23 febbraio 2017
File deliberazionePAT.pdf (503,02 kB)

download

modulo richiesta inserimento nella "Banca della terra"
File 7595 Dichiarazione di disponibilità.pdf (1,13 MB)

download

modulo richiesta cancellazione dalla "Banca della terra"
File 7596 Domanda di cancellazione.pdf (1,13 MB)

Giovedì, 28 Settembre 2017 - Ultima modifica: Martedì, 02 Gennaio 2018

Questionario di valutazione

© 2019 Comune di Riva del Garda powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl