«Beppe Viola»: la 47ª edizione del trofeo under 17

Giovedì 8 marzo alle ore 13 scatta la 47ª edizione del trofeo Beppe Viola Under 17: nel Garda trentino appassionati e addetti ai lavori potranno ammirare i migliori talenti giovani del pallone, per sei giorni di spettacolo e dibattito su uno sport alla ricerca di forze e idee nuove. La manifestazione prosegue fino al 13 marzo.

Per qualche giorno il calcio giovanile ha un solo centro di interesse: il Garda trentino. L’8 marzo è infatti la giornata inaugurale del trofeo Beppe Viola, prestigiosa manifestazione internazionale della categoria Under 17 che sta per celebrare la 47ª edizione. Quest’anno l’appuntamento è ancora più atteso perché cade in un momento delicato per lo sport più popolare del nostro paese, che sta cercando non senza fatica di darsi una nuova guida e nuove prospettive dopo la pesante caduta che è costata l’eliminazione dai mondiali di Russia.

Quella del torneo di Arco e del Garda trentino è una lunga storia di successo. Nato nel 1972 - prima squadra ad aggiudicarselo, il Verona - dal 1982 è dedicato alla memoria di un fuoriclasse del giornalismo come Beppe Viola, che ha lasciato una importante eredità di stile, creatività e raffinatezza. Dai campi del Beppe Viola sono passati alcuni dei più grandi giocatori della storia del calcio italiano e internazionale, da Totti a Cannavaro, da Schweinsteiger a Lahm, e ancora Zaza, Marchisio, Montolivo, Romagnoli, Pessotto, Florenzi, Pazzini e tantissimi altri.

Il torneo è uno degli eventi sportivi più importanti del Garda trentino, territorio da sempre legato all’attività outdoor e alla vita all’aria aperta, per la pratica di climbing, bike, vela, trekking e molte altre discipline, tra cui il calcio, nell’ambiente suggestivo e incontaminato sulla sponda nord del lago.

“Il nostro torneo - spiega Marco Benedetti, presidente di Garda Trentino Spa e del comitato organizzatore del Beppe Viola - rappresenta un appuntamento imprescindibile per misurare lo stato di salute del calcio giovanile: la categoria interessata dall’evento è quella più delicata, gli under 17, l’età in cui i giovani campioni rivelano in modo più compiuto le loro doti tecniche e fisiche, dando dunque la misura di una prospettiva di carriera concreta e reale”.

Sono 16 le squadre che si contenderanno l’ambito trofeo, vinto lo scorso anno dall’Atalanta. Insieme ai bergamaschi, che partono ancora con il favore del pronostico, ci saranno Lazio, Sampdoria, Rappresentativa nazionale dilettanti, Milan, Torino, Hellas Verona, Rappresentativa allievi Trentino, Roma, Bologna, Rappresentativa Lega Pro, Napoli, ChievoVerona, Arco 1895 e due club stranieri: Partizan e Brondby. Le squadre sono suddivise in quattro i gironi. Ci saranno tre turni eliminatori: giovedì 8, venerdì 9 e sabato 10, dopo i quali le squadre prime classificate di ciascun girone giocheranno le semifinali (domenica 11, ore 13 e 15.15) e quindi la finalissima di martedì 13 marzo, in programma alle 18.

Gli incontri eliminatori si giocheranno su 4 campi: Arco via Pomerio, Arco Romarzollo, Riva del Garda Varone, Mori. Semifinali e finale, invece, concentrate nello storico impianto di Arco in via Pomerio, al centro di uno scenario di incomparabile bellezza.

Parallelamente al trofeo Beppe Viola, Arco ospiterà le fasi conclusive di altri due eventi calcistici: il torneo Città di Arco Primavera femminile (finalissima ad Arco, al campo di via Pomerio il 13 marzo alle 14.30), e il torneo Città di Arco pulcini, una festa interregionale dei calciatori in erba e delle loro famiglie (19 edizioni, 64 squadre coinvolte dallo scorso 28 gennaio, oltre 1000 bambini impegnati, final four la mattina dell'11 marzo allo stadio di via Pomerio ad Arco).

Giovedì 8 marzo nel corso della festa di benvenuto alle squadre, al Casinò municipale di Arco, saranno consegnati i premi che ogni anno la manifestazione dedica ai giornalisti: il “Premio giornalistico Bruno Cagol”, conquistato da Gianluca Marcolini, e il “Premio giornalistico under 35 Aldo De Martino”, conferito a Tommaso Gasperotti.

Da non mancare la serata di “Calcerò”, nel giorno di riposo del torneo, lunedì 12 marzo: al Casinò municipale di Arco (ore 20, ingresso gratuito) si parlerà di “Bandiere, radici, talenti”, il futuro del calcio analizzato da personaggi autorevoli, esperti, dirigenti, giornalisti, campioni di ieri e di oggi. Un laboratorio di idee e approfondimenti, durante il quale saranno consegnati anche i premi speciali che il "Beppe Viola" riserva agli allenatori e ai giovani calciatori. Il Premio allenatore regionale è stato assegnato a Marco Andreatta, mentre per il Premio l’allenatore dei tuoi sogni saranno proprio i giocatori del torneo a scegliere il loro mister preferito tra Simone Inzaghi, Davide Ballardini, Marco Gianpaolo, rispettivamente tecnici di Lazio, Genoa e Sampdoria. Ai protagonisti del torneo under 17 sono dedicati invece i premi “Miglior marcatore”, “miglior giocatore” e “Graziano Vivori” per la squadra e il calciatore che si distingueranno in fatto di fair play.

Gli appassionati e i visitatori del Garda trentino possono godersi uno spettacolo unico, i campioni del futuro: calcio d’inizio domani alle ore 13, preceduto da un minuto di silenzio per la drammatica scomparsa del capitano della Fiorentina Davide Astori. Tutti gli incontri del trofeo Beppe Viola saranno trasmessi in diretta streaming da PMG Sport, disponibili sul sito web del trofeo Beppe Viola (http://beppeviola-arco.it/it), della stessa PMG Sport (http://www.pmgsport.it) e su alcuni dei principali portali d’informazione nazionali, tra i quali La Repubblica, La Presse e OASport.

Fonte: Garda Trentino SpA, www.gardatrentino.it

Foto: l'Atalanta ha vinto il trofeo Beppe Viola 2017 e si ripropone tra le favorite della 47ª edizione (foto di Piermarco Tacca)

Mercoledì, 07 Marzo 2018

Questionario di valutazione

© 2018 Comune di Riva del Garda powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl