C’eravamo tanto amati

Prosegue «La storia d’Italia in pellicola» del cineforum Lunedì Cinema, che a Palazzo dei Panni ad Arco lunedì 3 dicembre propone «C'eravamo tanto amati» (Italia, 1974, durata di due ore), film commedia diretto da Ettore Scola e interpretato da Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Stefania Sandrelli, Aldo Fabrizi. Inizio alle ore 21.

Considerato il capolavoro di Scola, «C’eravamo tanto amati» sancisce l'ingresso del regista tra i più grandi cineasti italiani di sempre. A metà tra commedia all'italiana e cinema d'impegno sociale, il film rende anche omaggio ad altri generi cinematografici, in virtù della trama che percorre circa trent’anni di storia italiana, e soprattutto attraverso una serie di intuizioni filmiche in onore di Vittorio De Sica, Federico Fellini, Michelangelo Antonioni, Roberto Rossellini e Alain Resnais. Il film per metà è in bianco e nero (tutta l'Italia era fotografata in bianco e nero fino a metà degli anni Cinquanta) e per metà a colori (per gli anni del boom, della congiuntura, della contestazione e del terrorismo).

La trama: tre amici che si sono conosciuti in montagna facendo i partigiani, affrontano il dopoguerra pieni di energia e di idee, ma l'infermiere rimane infermiere e il professore meridionale passa da una delusione all'altra. Solo il più scaltro dei tre, l'avvocato Gianni, diventa ricco e potente. Quando si incontrano, dopo molto tempo, non avrà il coraggio di confessare agli amici il proprio successo, ottenuto grazie a imbrogli, affari avventurosi e un ricco matrimonio.

La pellicola si aggiudicò molti riconoscimenti, tra cui il Gran Premio al Festival cinematografico internazionale di Mosca, un premio César per il miglior film straniero, tre nastri d'argento, la Grolla d'oro del premio di Saint Vincent. È dedicata a Vittorio De Sica, scomparso durante la lavorazione: oltre alla dedica finale, sono presenti nel film numerosi omaggi e citazioni.

La rassegna
«Lunedì Cinema» è il cineforum organizzato dai Comuni di Arco e Riva del Garda per la cura del centro culturale «La Firma» in collaborazione con la Federazione Italiana Cineforum, pensato come occasione di confronto per una lettura più approfondita di un film, di un regista o di un genere cinematografico, ma soprattutto per incontrarsi, parlare di cinema e scambiare opinioni. Il calendario è stato selezionato per sorprendere e incuriosire un pubblico ampio: infatti, come tradizione, sono proposti cicli diversi, caratterizzati da temi specifici, che consentiranno di approfondire la conoscenza del cinema, delle sue espressioni e della sua storia. L’edizione 2018-2019 propone dal 29 ottobre al 25 marzo, alternativamente ad Arco (a palazzo dei Panni) e a Riva del Garda (all'auditorium del Conservatorio), 18 pellicole ispirate al tema «La storia d’Italia in pellicola».

L'ingresso avviene con tessera FIC sottoscrivibile la sera della proiezione, al costo (invariato) di 12 euro (5 euro per gli studenti fino ai 25 anni d'età), valida per l’intera stagione. Tutte le proiezioni iniziano alle 21. Ogni proiezione è preceduta da un'introduzione di Ludovico Maillet.

Posizione GPS

Come arrivare

Venerdì, 30 Novembre 2018

Questionario di valutazione

© 2018 Comune di Riva del Garda powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl