Mery per sempre

Si proietta lunedì 8 ottobre nella sala conferenza al terzo piano della biblioteca civica di Riva del Garda il film drammatico di Marco Risi «Mery per sempre» (Italia, 1989, un'ora e 40 minuti), con Michele Placido, Claudio Amendola, Francesco Benigno, Alessandro Di Sanzo, Roberto Mariano. Inizio alle ore 21, ingresso libero.

Ambientato a Palermo e basato sul romanzo di Aurelio Grimaldi «Meri per sempre», il film racconta la storia di Mario Libassi, un travestito che si fa chiamare Mery e che un giorno viene arrestato per il tentato omicidio di un cliente mentre si prostituisce. Il film ha vinto l'Efebo d'oro nel 1989 come miglior regia e il Ciak d'oro nel 1990 come miglior film.

La proposta fa parte di «Liberi da dentro», mini rassegna sul tema della condizione carceraria che fa da anteprima al cineforum Lunedì Cinema, realizzato dai Comuni di Arco e di Riva del Garda per la cura del centro culturale «La Firma» in collaborazione con la Federazione Italiana Cineforum.

La trama
Palermo: il professor Marco Terzi, appena trasferito da Milano, accetta il poco ambito incarico di docente al carcere minorile Rosaspina (chiaramente ispirato al realmente esistente carcere Malaspina). Il primo impatto con gli allievi è particolarmente duro perché i ragazzi vedono in lui un'espressione del potere. Ognuno ha dietro di sé una storia amara: Natale ad esempio è il più grande, condannato per l'omicidio dei killer del padre e incattivito contro tutti.

Ci sono poi Carmelo, Antonio, Matteo, Giovanni (detto "King Kong"), Claudio, che è appena entrato dopo un tentato furto notturno, Pietro, arrestato dopo un lungo inseguimento nella Vucciria, e Mery, un travestito che per soldi si prostituisce. Poco alla volta, il professore riesce a conquistare tutti i ragazzi, sia sul piano didattico che umano, diventando loro amico anche al di fuori delle ore di lezione, cosa che gli aliena però le simpatie del direttore, che lo accusa di interessarsi di cose che non gli competono.

Due episodi sconvolgono l'equilibrio creatosi: la fuga di Pietro e il trasferimento di Claudio in un altro istituto a Napoli, dopo uno scontro con Carmelo che lo vorrebbe possedere. Pietro si rifugia a casa del professor Terzi, ma il giorno dopo viene ucciso durante una rapina. Prima di morire, Terzi gli parla. Sconvolto, riconquista i ragazzi che lo credevano colpevole dell'atmosfera repressiva creatasi nel carcere. Così, quando arriva la sua lettera di trasferimento in un altro liceo, la straccia davanti ai suoi studenti che ridono per il sollievo: il suo posto è lì.

www.comune.rivadelgarda.tn.it/Aree-tematiche/Biblioteca-civica

Posizione GPS

Come arrivare

Lunedì, 08 Ottobre 2018

Questionario di valutazione

© 2018 Comune di Riva del Garda powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl