Molteplici sguardi su Riva

È giunta alla pubblicazione «Molteplici sguardi su Riva (Anche da molto lontano ma ormai così vicino) - Percorsi di inserimento e di vita degli immigrati a Riva del Garda», ricerca sul fenomeno migratorio la cui presentazione si tiene martedì 21 marzo all'auditorium del Conservatorio. Inizio alle ore 21.

La ricerca è stata promossa e finanziata dal Comune di Riva del Garda e dal Centro Informativo per l’Immigrazione della Provincia di Trento. La presentazione avviene nell'ambito de «L'arte di migrare», cartellone di iniziativa con cui il Comune di Riva del Garda aderisce alla XIII Settimana d’Azione contro il Razzismo. La curatrice Serena Piovesan (Cinformi) dialoga con Gabriel Echeverria (Centro per la formazione alla solidarietà internazionale); intervengono testimoni e associazioni di immigrati; introduzione con «letture migranti» della compagnia Bandus.

Uno studio innovativo che il Comune di Riva del Garda ha avviato nella seconda metà del 2014, affidandosi a Cinformi. Perché proprio a Riva del Garda?

«Primo – spiega il sindaco Aldalberto Mosaner – il livello di governo locale del Comune è quello più vicino alla concreta gestione del fenomeno migratorio, e come tale è chiamato a confrontarsi in modo diretto con i problemi, con le esigenze e con le persone, perciò nella necessità di agire formulando risposte, di mettere in campo strumenti, proponendosi spesso come un laboratorio di nuove sperimentazioni, in rete con numerosi e diversi soggetti del proprio territorio. Si tratta di scelte e di azioni di enorme importanza, per la rilevanza dei problemi in gioco e per la potenzialità delle soluzioni, che se efficaci possono contribuire alla crescita socio-economica. Secondo motivo, Riva del Garda ha una percentuale di residenti di origine estera ben superiore alla media provinciale, 12,2% in luogo di 9%, e questo anche in presenza di un significativo incremento delle acquisizioni di cittadinanza italiana, passate dalle 145 del 2015 alle 171 del 2016. Ne discende che l'esperienza del nostro Comune risulta, anche ai fini dello studio, particolarmente interessante».

Il report, ora disponibile alla divulgazione, si articola in una serie di interviste a cittadini stranieri di diversa provenienza, che offrono spunti di riflessione di particolare interesse su un tema complesso, delicato e incombente quale la possibilità di intervento delle Amministrazioni locali nel governo dei processi di inserimento dei cittadini stranieri nel proprio tessuto socio-economico.

I L   P R O G R A M M A
L'arte di migrare
Riva del Garda, dal 20 al 26 marzo

Lunedì 20 marzo, ore 18
Sala civica Craffonara, giardini di Porta Orientale
Conoscere per sconfinare
Inaugurazione della mostra interattiva, durante la quale verranno presentanti i progetti che hanno dato origine alle varie parti della mostra, pensata come un percorso che favorisce la riflessione sul fenomeno migratorio e la valorizzazione della pluralità nelle società contemporanee. Musiche a cura di Scuola Musicale Alto Garda. Con aperitivo multiculturale

Dal 21 al 26 marzo
Sala civica Craffonara, giardini di Porta Orientale
Conoscere per sconfinare - mostra interattiva
La mostra propone un percorso per promuovere la riflessione sul fenomeno migratorio, la valorizzazione della diversità.
Orari d’apertura: dal martedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 17.30; sabato e domenica dalle 10 alle 18.

Martedì 21 marzo, ore 21
Auditorium del Conservatorio Bonporti, largo Marconi 5
Molteplici sguardi su Riva
Presentazione della ricerca “Molteplici sguardi su Riva (Anche da molto lontano ma ormai così vicino) - Percorsi di inserimento e di vita degli immigrati a Riva del Garda”. La curatrice Serena Piovesan (Cinformi) dialoga con Gabriel Echeverria (CFSI). Con l'intervento di testimoni privilegiati e associazioni di immigrati

Mercoledì 22 marzo, ore 16.30
Auditorium del Conservatorio Bonporti, largo Marconi 5
Almanya
proiezione del film di Yasemin Samdereli (Germania, 2011, durata 101 minuti)
La proiezione del film sarà accompagnata da racconti autobiografici di testimoni migranti che hanno aderito al progetto “Storie da cinema” promosso dal CFSI.

Giovedì 23 marzo (mattina)
Laboratori
con gli studenti e le studentesse delle Scuole secondarie di primo e secondo grado

Venerdì 24 marzo, ore 21
Centro sociale del Pernone, via Chiesa Vecchia 17, Varone
Io sono Li
proiezione del film di Andrea Segre (Italia, 2011, durata 100 minuti)
In collaborazione con Pro loco, Gruppo iniziative Varone

Sabato 25 marzo, ore 21
Sala della Rocca, piazza Cesare Battisti 5
Donne unite contro l’islamofobia
Performance di Teatro dell’Oppresso
Il momento interattivo porta a riflettere sulle situazioni discriminatorie vissute dalle donne musulmane (in quanto donne, migranti e appartenenti alla religione islamica) e sulle strategie per superarle. Con aperitivo multiculturale

Domenica 26 marzo, ore 11
Scuola Musicale Alto Garda, viale Guella 6
Radici. Musiche, voci e memorie dal mondo
Spettacolo musicale con la partecipazione di una rappresentanza internazionale di allievi e docenti della Scuola Musicale Alto Garda. Attraverso un percorso di ricerca di repertori e di letture originali, gli allievi di origine straniera e i docenti della SMAG si esibiranno nel recupero di tradizioni, memorie, storie personali di immigrazioni, pezzi di cultura e testimonianze artistiche del proprio luogo di provenienza, con l’intento di rendere le arti e la musica strumenti di reciproca conoscenza e di avvicinamento tra culture diverse.

La foto si riferisce alla mostra "Conoscere per sconfinare", allestita nella sala civica Craffonara (giardini di Porta Oriemtale) fino al 26 marzo

Posizione GPS

Come arrivare

Lunedì, 20 Marzo 2017

Questionario di valutazione

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam

© 2017 Comune di Riva del Garda powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl