Novità: Capitali Trentini

Capitali Trentini è la nuova rassegna culturale curata e promossa dalla redazione di Altrove Reporter, il progetto di servizio civile del Comune di Riva del Garda che si occupa di nuova emigrazione. Primo appuntamento: «N. 3: tra youth workers, jazz e fotografia», ciclo di tre incontri allo Smart Lab di Rovereto.

Se ormai è ricorrente l’allarme sui cosiddetti «cervelli in fuga», Altrove Reporter sa che la nuova emigrazione può anche costituire una risorsa straordinaria di confronto e di internazionalizzazione anche per i territori dai quali i giovani partono.

Quello dell’emigrazione di capitale umano (da qui il titolo della rassegna) è un problema sempre più diffuso che sta colpendo duramente tutta l’Italia, e il sud Europa più in generale. Sempre più spesso i Paesi di provenienza, che hanno formato questi giovani, li vedono emigrare in cerca di terreno più fertile dove costruire il proprio futuro lavorativo e le proprie prospettive di vita. Tutto ciò, per citare le parole di Mirco Tomasi, funzionario trentino della Commissione europea (Bruxelles), fa sì “che queste persone lascino indietro un territorio che è sicuramente impoverito e tutto ciò è stato causato da anni di cattiva gestione di questa crisi che perdura ormai da troppo tempo”.

Il ciclo di incontri Capitali Trentini si pone così l’obiettivo non solo di lasciar parlare direttamente chi se ne è andato e di far parlare le loro esperienze formative e professionali, ma di far sì che l’esperienza vissuta e raccontata diventi motivo di confronto e di arricchimento per il Trentino. I “Capitali trentini” sono allora questo enorme bagaglio di esperienze e di vissuti che può essere valorizzato, diventando strumento di crescita e confronto con i modelli e le pratiche attivate nei nostri territori.

La formula è molto semplice: si farà dialogare direttamente chi è partito con chi è rimasto in Italia su temi comuni che riguardano il modo di esercitare, qui e altrove, la stessa professione, la stessa passione, gli stessi interessi. L’obiettivo è fornire spunti di riflessione, di dibattito e, magari, le basi per future collaborazioni o di crescita reciproca. La o le persone all'estero contattate, anche via Skype, interverranno direttamente con chi è rimasto in Italia e si occupa di temi simili.

Per il 2018 sono stati individuati due filoni principali: il primo dedicato al mondo culturale, il secondo alle professioni legate alle nuove tecnologie e a internet. Il primo ciclo sarà di tre incontri e si svolgerà fra febbraio e aprile. Capitali Trentini, “N. 3: tra youth workers, jazz e fotografia” è stato pensato appositamente in relazione alla cornice nella quale avranno luogo, lo Smart Lab di Rovereto. Come si può indovinare dal titolo, i tre ambiti d’indagine saranno il lavoro dei centri giovanili; la professione di musicista (in particolare jazz) e quella di fotografo. Tre incontri a cadenza mensile presso lo Smart Lab di Rovereto apriranno un dibattito aperto a tutti, ma in particolare a coloro che direttamente se ne occupano qui. La diretta sui social della serata permetterà di raggiungere anche chi è più lontano.

Il primo incontro, il 15 febbraio, si concentra sui centri giovani, le strutture che hanno dato la parola da protagonisti al mondo giovanile e che sono ormai presenti diffusamente in tutto il territorio trentino e in molte realtà urbane, nazionali e non. Esistono specificità regionali e nazionali dei modi con cui nascono e sono gestiti i centri giovani? Quali sono le principali sfide a cui sono chiamati coloro che si occupano della galassia giovani? Come vengono affrontate in Inghilterra, in Europa e fuori Europa? Cosa rende particolare l’esperienza trentina?

Risponderanno a queste domande Riccardo Loss, della cooperativa Smart; Amanda Milan, con il suo studio sui centri giovani in Inghilterra; Liviana Concin, operatrice al Centro giovani #Kairos di Pergine, in rete con diversi centri giovani europei e non solo; Ezequiel Lifschitz e Alfert Berisa, ragazzi coinvolti nel progetto BROADER (Boosting cross-border interRelations to Overcome Animosity and DEvelop human Rights educativo), i quali presenteranno il progetto e i Centri giovani dei Paesi dai quali provengono; Michele Giovanaz, ragazzo del centro coinvolto nello Youth Exchange nell’ambito del progetto BROADER e partecipante del progetto di Co-housing “Io cambio status”. Farà da moderatrice Alessandra Benacchio, già RTO del Piano giovani di zona di Trento e Arcimaga, e curatrice di una ricerca sulla rete dei Centri giovani del Trentino.

Capitali Trentini è realizzato da Altrove Reporter con la cooperativa Smart Lab e la collaborazione dell’Ufficio emigrazione della Provincia autonoma di Trento.

Il calendario
Smart Lab, Rovereto, ore 21

15 febbraio 2018: “I centri giovani”
15 marzo 2018: “A scuola di jazz”
12 aprile 2018: “Va dove ti porta la fotografia”

http://www.altrovereporter.it/

Venerdì, 09 Febbraio 2018

Questionario di valutazione

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam

© 2018 Comune di Riva del Garda powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl