Sguardi aperti dal binario uno

Per «Sguardi aperti», progetto sulla conoscenza del territorio dell'Alto Garda, si svolge domenica 8 ottobre l'escursione lungo l'antico tracciato della ferrovia Mar, da Nago e Loppio e ritorno, a bordo del trenino turistico, per riscoprire la storia dal passato e (perchè no?) guardare a un futuro di mobilità sostenibile.

Quarantacinque anni di vita ebbe la ferrovia che collegava Riva del Garda a Mori e poi a Rovereto: fu inaugurata in pompa magna nel 1891, per essere chiusa nel quasi abbandono nel 1936. Fino al 1925 era la Mori-Arco-Riva (Mar), poi arrivò fino a Rovereto (Rar).

Allora per percorrere i ventiquattro chilometri dell’intera tratta si impiegava circa un'ora e mezza, e la velocità massima era di trentacinque chilometri all'ora, utilizzando quattro locomotive costruite dalla ditta Krauss (di cui una è tuttora attiva negli Stati Uniti al giardino zoologico di Doorly nel Nebraska) che viaggiavano sullo scartamento ridotto di 760 millimetri.

Per capire come si potesse allora godere il paesaggio, oggi proviamo a fare la stessa cosa: domenica 8 ottobre si svolgono due escursioni a bordo di un trenino turistico lungo il tracciato della vecchia ferrovia, la prima dalle 10 alle 12.30 (ritrovo alle 9.30), la seconda dalle 14 alle 16.30 (ritrovo alle 13.30).

Si partirà da Nago, dalla vecchia stazione dei treni, che ora è una casa privata, e si arriverà a Loppio, seguendo il tracciato originale che passa da una strada comunale e dalla ciclabile. Lungo il percorso si alterneranno vari esperti che parleranno di antica viabilità, di ferrovie, del lago di Loppio, della galleria Adige-Garda, dell’incredibile impresa dei veneziani che trasportarono per terra una flotta nel Garda passando da Loppio, di archeologia sull’isola di Sant'Andrea. Non mancheranno racconti romanzeschi a bordo del treno, arricchiti con musica degli anni Trenta e cartoline dell’epoca che i partecipanti potranno scrivere durante il viaggio. L'iniziativa si concluderà con un aperitivo.

Il progetto «Sguardi aperti» è frutto della collaborazione tra Mag, Rete Museale Ledro-Muse e Rete di Riserve delle Alpi Ledrensi.

Informazioni
0464 573869
www.museoaltogarda.it
info@museoaltogarda.it

Foto: Alois Beer, «Loppio See mit Bahn», Museo Alto Garda, © Österreichisches Staatsarchiv

Posizione GPS

Come arrivare

Venerdì, 06 Ottobre 2017

Questionario di valutazione

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam

© 2017 Comune di Riva del Garda powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl