Voglio essere incinto

La Stagione teatrale dei Comuni di Riva del Garda, Arco e Nago-Torbole propone venerdì 11 gennaio al teatro nella Casa della Comunità di Nago lo spettacolo di Aps Estro Teatro «Voglio essere incinto», di e con Mirko Corradini, drammaturgia di Ornela Marcon e Mirko Corradini, regia di Mirko Corradini e Andrea Deanesi.

Sempre più spesso i compagni delle donne incinte accusano dei sintomi tipici della gravidanza: nausea, vomito, voglie e aumento di peso fino alle doglie. Il fenomeno prende il nome di “sindrome della Couvade”. Voglio essere incinto non è però la storia della sindrome della Couvade: è la storia di un uomo che fin da bambino è stato invidioso delle donne, della loro forza, delle mestruazioni, della gravidanza e del sogno di sentir crescere una vita dentro il proprio corpo, insomma, la grande invidia nei confronti delle donne, derivante dalla consapevolezza che esse hanno un ruolo maggiore rispetto agli uomini in quello che è il vero scopo di ogni essere umano, creare vita. La vita delle donne ha la fortuna/sfortuna di essere racchiusa in cicli. Le mestruazioni rappresentano un ciclo vitale, dal quale le donne non possono esimersi. Ma questo crea la loro forza. Un uomo ha una vita che parte da A per arrivare a B, una linea retta, continua. Le donne, invece, all’interno di questa linea vivono cicli continui, con situazioni che si ripetono, che si riconoscono, che in qualche modo permettono loro di conoscersi e capirsi sempre meglio. Inoltre hanno la possibilità di creare vita, di averla dentro di sé. Anche l’uomo è naturalmente partecipe di questo miracolo, ma non in toto. Durante il periodo della gravidanza una donna non lascia mai il suo bambino. È con lui quando va a lavorare, quando va in bagno, quando sta bene, quando piange. Un uomo no, non può. Da qui nasce l’invidia, e da questa invidia nasce la ricerca che è alla base dell’idea dello spettacolo: come può un uomo vivere il parto? Di certo non fisicamente, ma come può essere presente ed entrare in relazione con suo figlio anche durante la gravidanza? Voglio essere incinto tratta questo argomento in modo comico e brillante, lasciando però spazio anche alla poesia e alla riflessione, e punta a diventare “strumento di preparazione” per i padri.

Ingresso
Settore unico intero: 7 euro (Carta In Cooperazione 6,50 euro)
Ridotto 5 euro (Carta In Cooperazione 4,50 euro)

Prevendita dei biglietti d’ingresso ai singoli spettacoli agli sportelli delle Casse Rurali del Trentino fino al giorno dello spettacolo negli orari di apertura, e online sul sito web www.primiallaprima.it fino al giorno dello spettacolo (servizio gratuito). Vendita dei biglietti d’ingresso ai singoli spettacoli nella sede dello spettacolo, la stessa sera dello spettacolo, a partire dalle ore 20 (limitatamente ai biglietti non distribuiti in prevendita).

Informazioni
Comune di Nago-Torbole, biblioteca
telefono 0464 505181
email nago@biblio.infotn.it
web www.comune.nago-torbole.tn.it
Informazioni sul teatro e sul cinema in Trentino nel sito internet www.trentinospettacoli.it

La Stagione teatrale è organizzata dai Comuni di Riva del Garda, Arco e Nago-Torbole con la collaborazione del Coordinamento teatrale trentino (per il teatro), del Centro servizi culturali Santa Chiara (per la danza) e dell'associazione Luha-ArtSurvivalKit (rassegna «Cantiere Teatro»).

Posizione GPS

Come arrivare

Giovedì, 03 Gennaio 2019

Questionario di valutazione

© 2019 Comune di Riva del Garda powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl