30 km/h: esteso il limite di velocità

Il limite di velocità di 30 km all'ora, strumento caldeggiato dal Parlamento europeo per una migliore convivenza tra auto, biciclette e pedoni e per una maggiore sicurezza stradale, è stato esteso in questi giorni a nuove zone del centro e della periferia. I cartelli saranno installati nei prossimi giorni.

Il limite di velocità di 30 km all'ora è esteso a viale Damiano Chiesa, viale Riccamboni, viale Martiri, viale Baruffaldi, viale Dante a est di viale Martiri, via Grez fino alla rotatoria, via Marchi nonché le strade interne al quartiere di rione Degasperi, via Grez a nord della rotatoria fino o comprendere via Perderzolli, alla strada comunale a nord di località Fontanella comprendendo via Pigarelli e la località Pasina, alla parte del centro abitato a ovest di viale Trento, comprendente viale dei Tigli, via Rosmini, via Negrelli, largo Marconi, viale Canella, via Monte Oro fino alla rotatoria, via Ardaro e località San Giacomo.

La regolamentazione di Zona 30 è una forma di intervento urbanistico per la moderazione del traffico nella viabilità urbana, introdotta in Italia nel 1995 all'interno delle direttive per la redazione dei Piani urbani del traffico: si tratta di un'area della rete stradale urbana dove il limite di velocità è di 30 chilometri orari invece dei consueti 50 previsti dal Codice della strada in ambito urbano.

La minore velocità consentita permette una migliore convivenza tra auto, biciclette e pedoni, in quanto viene ridotto il differenziale di velocità relativa. Inoltre è assodato che l'istituzione di una Zona 30 comporta un aumento della sicurezza stradale: abbassando la velocità da 50 a 30 km/h, infatti, si riduce di oltre la metà lo spazio di arresto in frenata dei veicoli. Si è inoltre dimostrato che la diminuzione a 30 km/h del limite di velocità porta a un aumento minimo dei tempi di viaggio, causa fattori come il traffico cittadino, i semafori, gli attraversamenti pedonali, la presenza di pedoni e ciclisti, i passaggi a livello e la ricerca di parcheggio.

L'adozione di Zona 30 è in linea con la risoluzione del Parlamento europeo del 27 settembre 2011 sulla sicurezza stradale in Europa 2011-2020, e in particolare con il suo punto 54, in cui il Parlamento europeo «...raccomanda vivamente alle autorità competenti di introdurre una velocità massima di 30 km/h per le zone residenziali e per tutte le strade urbane a una sola corsia che non dispongono di pista ciclabile separata, al fine di proteggere meglio gli utenti vulnerabili della strada.»

Con l'apertura della circonvallazione a regime e senza limitazioni particolari sulla velocità di transito si ritiene compatibile l'adozione di provvedimenti nel centro urbano per la moderazione del traffico al fine di migliorare le condizioni di sicurezza sulle strade e di vivibilità, facilitando l'instradamento sulla nuova infrastruttura dei veicoli che necessitino del solo attraversamento urbano, e pertanto si provvede alla estensione della Zona 30 già adottata.

Mercoledì, 03 Luglio 2019 - Ultima modifica: Venerdì, 05 Luglio 2019

Questionario di valutazione

© 2019 Comune di Riva del Garda powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl