«Guerra e pane» al forte

Per la rassegna provinciale «Sentinelle di pietra» e nel weekend di festa del Gruppo Alpini di Sant'Alessandro, al forte Batteria di Mezzo domenica 14 luglio Il Teatro delle Quisquilie porta in scena lo spettacolo di narrazione «Guerra e pane - Se questi sono uomini». Inizio alle ore 9, durata un'ora.

Lo spettacolo alterna recitazione, canzoni e video. Il ritmo è incalzante, la narrazione è lineare e schietta e a tratti, malgrado i temi trattati, anche leggera e ironica. La storia del protagonista corre insieme alle vicende storiche dei primi decenni del secolo scorso. Uno spettacolo per ricordare, per imparare, nella speranza che, davvero, conoscere la storia che ci siamo lasciati alle spalle ci aiuti a essere migliori nel futuro. Con brani e canzoni dal vivo ispirati agli scritti di Primo Levi, Vasilij Grossmann, Etty Hillesum ed Elsa Springer. Di e con Massimo Lazzeri, scene Andrea Coppi, luci Stefano Mazzanti, video Diego Monfredini, Lucia Scipioni e Antonio De Cia, arrangiamenti Chiarastella Calconi, Diego Moser, Massimo Lazzeri e Adele Pardi.

La storia: Luigino, detto Gino, fa parte di una famiglia qualunque di un paese poco importante. Ha combattuto nella Grande guerra e, quando ritorna a casa, riesce a realizzare il suo sogno: diventare un panettiere. I fascisti vanno al potere, ma Gino ritiene di essersi già speso abbastanza per la Patria e non ha nessuna intenzione di combattere di nuovo; si rifiuta di far parte del partito fascista e di iscrivere i suoi figli all’Opera Nazionale Balilla. Viene minacciato e picchiato, ma non cede. Preferisce opporsi e per questo viene trasportato in un campo di concentramento, poi trasferito in un altro: Sobibor. Viene risparmiato dai nazisti perché è panettiere e quindi utile. Gino vede arrivare e morire ogni giorno centinaia di persone, ma decide che non farà la stessa fine. Assieme ad altri prigionieri inizia a sottrarre armi, benzina, soldi, e a tramare per radere al suolo Sobibor. Il 14 ottobre 1943, anche grazie a lui, questo campo smette di esistere.

Il forte (nella foto qui sopra, dell'Apt Garda Trentino SpA, www.gardatrentino.it) si potrà raggiunge insieme agli storici del Museo Alto Garda con una camminata che partirà alle 7.30 dal forte San Nicolò. A disposizione anche un bus navetta con partenze dalle ore 8. Partecipazione gratuita. Al termine dello spettacolo i Panificatori del Trentino offriranno pane fresco.

Itinerario dei forti del monte Brione: da porto San Nicolò (65 metri slm), in viale Rovereto 140 a Riva del Garda, parte il Sentiero della Pace che costeggia il crinale del monte Brione. Salendo a piedi, dopo circa 15 minuti si arriva a forte Garda (185 metri slm), quindi con una camminata di circa 30 minuti si raggiunge il forte Batteria di Mezzo (360 metri slm). I forti non sono raggiungibili in automobile perché si trovano in un'area naturalistica tutelata.

Maggiori informazioni:

http://www.museoaltogarda.it/it/attivita/eventi/events/event/325

https://www.teatrodellequisquilie.it/

Posizione GPS

Come arrivare

Giovedì, 11 Luglio 2019

Questionario di valutazione

© 2019 Comune di Riva del Garda powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl