Luce a basso consumo in viale Carducci e in viale Rovereto

Prosegue il piano di adeguamento dei corpi illuminanti dell'illuminazione pubblica alle più recenti tecnologie a basso consumo e basso inquinamento luminoso, in linea con quanto programmato dal Pric: lunedì 16 settembre iniziano i lavori sul tratto di viale Carducci e viale Rovereto.

Precisamente l'intervento riguarda tutti i lampioni (che sono costituiti da pali del tipo «Riva», ognuno con due bracci e due punti luce) di viale Carducci e viale Rovereto, dalla rotatoria di largo Bensheim fino a porto San Nicolò, ad eccezione del breve tratto fra via Pascoli e via Rilke, dove i lampioni sono di tipo diverso, con corpi illuminanti già di ultima generazione. La sostituzione riguarda unicamente i corpi illuminanti, con un impatto estetico praticamente nullo. L'ottica ha due fotometriche: una stradale asimmetrica allungata e una asimmetrica diffondente, con sorgente a tecnologia Led. Alla sostituzione dei corpi illuminanti si accompagnerà un complessivo efficientamento impiantistico e un'attenta valutazione dei dimensionamenti, con l'ottimizzazione del profilo di utilizzo tramite regolazione, per un risparmio di energia elettrica stimato nel 72% (cioè 28.752 kWh all'anno), corrispondente anche alla minore emissione di anidride carbonica in atmosfera (il dato è del tutto teorico, nell'ipotesi cioè di energia ottenuta da fonti non rinnovabili) equivalente a quanto assorbito da 46 alberi per 40 anni. Il costo dell'intervento è di 100 mila euro tutto compreso (anche Iva e oneri per la sicurezza), la ditta che lo esegue è la Gte Elettrica Snc di Trento. Il progettista è l'ing. Ivo Zancarli di Arco; responsabile unico del procedimento (RUP) è l'ing. Fiorenzo Brighenti, direttore dei lavori il p.i. Marco Bertolini. I lavori saranno conclusi (salvo imprevisti o maltempo) entro il 6 dicembre.

Per quanto riguarda la viabilità: l'intervento sarà eseguito occupando, in corrispondenza dei pali in cui via via si interverrà, una piccola parte della sede stradale e il tratto di marciapiede interressato, per cui in linea generale la viabilità veicolare non avrà ripercussioni, se non un restringimento di carreggiata che in alcuni casi potrebbe rendere necessario un temporaneo senso unico alternato; il passaggio pedonale sarà invece interrotto, con l'indicazione di passare sull'altro lato della strada.

«La sostituzione dei corpi illuminanti della nostra città è un’azione molto impegnativa -spiega l’assessore ai lavori pubblico Alessio Zanoni- che stiamo affrontando già da qualche anno per gradi, partendo cioè da quelli più vecchi, non solo per abbattere il consumo di energia, ma anche per ridurre l’inquinamento luminoso, un problema rispetto al quale inizia a imporsi una crescente sensibilità. Gli interventi hanno un costo rilevante che grava sulla spesa in conto capitale del Comune, ma permettono per il futuro notevoli risparmi, superiori al cinquanta per cento, sulla spesa corrente, che è quella che impatta sulla tassazione ai cittadini. Basti pensare che la "bolletta" energetica del nostro Comune si aggira sul mezzo milione di euro all'anno. Quindi, non solo tutela all’ambiente, ma anche un riverbero positivo sulle casse pubbliche e sul bilancio personale dei cittadini.»

Venerdì, 13 Settembre 2019

Questionario di valutazione

© 2019 Comune di Riva del Garda powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl